gioie e dolori
benvenuti nel mio forum spero vi troverete bene
E SIATE MOLTO GENTILI DI PRESENTARVI NELLA SEZIONE BENVENUTI
COSì VI SALUTEREMO TUTTI GRAZIE VI CHIEDO UNA GENTILEZZA PRESENTATEVI ALTRIMENTI NON Cè MOTIVO DI ISCRIVERVI, CHIUNQUE SI SCRIVE NON SI PRESENTA NON CAPISCO IL MOTIVO,DATO CHE IL FORUM è VISIBILE ANCHE SENZA ISCRIZIONE GRAZIE

gioie e dolori

è un forum di poesie di gioie e dolori
 
PortaleIndiceGalleriaFAQRegistratiAccedi

Condividi | 
 

 ARTEMISIA GENTILESCHI

Andare in basso 
AutoreMessaggio
Admin meryan
Amministratrice
Amministratrice
avatar

Femmina
Ariete Numero di messaggi : 24147
Età : 66
barra di rispetto :
Personalized field :




Data d'iscrizione : 03.11.07

MessaggioTitolo: ARTEMISIA GENTILESCHI   Ven Mag 01, 2009 7:17 pm

ARTEMISIA GENTILESCHI, PITTRICI, PITTURA



Caravaggio non fondò alcuna scuola, non ebbe allievi diretti, ma di così grande impatto fu la sua arte, che influenzò la pittura del Seicento ed ebbe numerosi imitatori, in Italia e all’estero. Fra i seguaci si annovera anche una donna, Artemisia Gentileschi, la cui casa l’Artista frequentò, come amico del padre, divenendo per lei fonte di stimoli artistici.



Personalità di grande incisività, professionalmente indipendente, Artemisia, figlia di Orazio Gentileschi, uomo chiuso e poco comunicativo, che sviluppò una personale versione dello stile del Caravaggio, fu pittrice ricca di talento e, contrariamente al padre, dal quale imparò il mestiere, si mantenne sempre fedele alla lezione del Maestro. Nata a Roma nel 1593, fin da piccola mostrò subito straordinarie capacità pittoriche, rilevando piglio aggressivoe coraggio di rappresentare in modo personale temi usuali, per questo fu avviata agli studi. Nel 1605, a soli dodici anni, restò orfana della madre e, a diciotto anni, fu violentata da Agostino Tassi, suo maestro di prospettiva, un personaggio equivoco, già coinvolto in atti di libidine e processi per stupro, che subì otto mesi di carcere prima di essere prosciolto dall'accusa.






Artemisia si trovò coinvolta in spietate malignità, delle quali non si liberò per tutta la vita, continuando ad essere considerata una donna licenziosa, e durante il processo, per accertare più rapidamente la verità, fu anche sottoposta alla tortura dei cosiddetti "sibilli", piccole corde che serravano le dita.
In seguito all'umiliazione subita, terminato il processo, fu costretta ad abbandonare Roma, ad accettare il matrimonio riparatore con Pietro Antonio di Vincenzo Stiattesi, un uomo più anziano di lei, e a trasferirsi a Firenze, dove fu introdotta alla corte di Cosimo II; qui cominciò subito a lavorare, con passione e grande abilità tecnica.








Ben presto, però, Artemisia riuscì a liberarsi del marito e ad affrontare in modo indipendente il resto della vita.Libera e orgogliosa, cominciò a viaggiare; fu a Genova, a Roma, a Napoli, a Londra e poi nuovamente a Napoli, guadagnando bene, tanto da poter offrire una consistente dote alle sue figlie.
Grande interprete del caravaggismo napoletano, fedele alla lezione del maestro, di cui lo attrasse soprattutto la violenza espressiva, Artemisia contribuì a diffonderne la tecnica del chiaroscuro e del realismo, prediligendo il tema biblico di Giuditta e Oloferne, che rappresentò con cruda intensità in una serie di quadri.








Cruda, d'altronde, era stata l' esperienza personale della violenza subita, il cui segno è ravvisabile non solo nella scelta di vita indipendente adottata, estremamente audace per una donna del Seicento, ma anche nelle figure femminili ritratte sempre come donne forti, potenti ed orgogliose, ed è probabile che rappresentare il tema di Giuditta fosse per lei un modo simbolico per vendicarsi della violenza maschile subita.
Lo stile caravaggesco dei suoi lavori piacque molto ai committenti, e grande fama le conquistò soprattutto a Napoli, tanto che l’aristocrazia locale le assegnò numerosi incarichi, poi, però, la sua fama declinò, e dopo la sua morte, avvenuta a Napoli nel 1652, la pittrice cadde nell’oblio, ma nel Novecento, quando anche lo stile caravaggesco fu riscoperto, riconquistò nuova considerazione, apprezzata dal movimento delle donne per la passione e l’ardimento.


DAL WEB

_________________
mi manchi marco
Torna in alto Andare in basso
http://gioie-e-dolori.forumattivo.com
Loredana
Moderatore
Moderatore
avatar

Femmina
Cancro Numero di messaggi : 3674
Età : 60
Localizzazione : Roma
barra di rispetto :
Personalized field :
l'amica del cuore
Data d'iscrizione : 24.11.07

MessaggioTitolo: Re: ARTEMISIA GENTILESCHI   Ven Mag 01, 2009 8:22 pm

LA ADORO, LE SUE OPERE MI PIACCIONO MOLTISSIMO!

GRAZIE ANNA


_________________



Torna in alto Andare in basso
Admin meryan
Amministratrice
Amministratrice
avatar

Femmina
Ariete Numero di messaggi : 24147
Età : 66
barra di rispetto :
Personalized field :




Data d'iscrizione : 03.11.07

MessaggioTitolo: Re: ARTEMISIA GENTILESCHI   Ven Mag 01, 2009 8:23 pm

sono contentissima

hai visto sotto il tuo avatar

_________________
mi manchi marco
Torna in alto Andare in basso
http://gioie-e-dolori.forumattivo.com
Loredana
Moderatore
Moderatore
avatar

Femmina
Cancro Numero di messaggi : 3674
Età : 60
Localizzazione : Roma
barra di rispetto :
Personalized field :
l'amica del cuore
Data d'iscrizione : 24.11.07

MessaggioTitolo: Re: ARTEMISIA GENTILESCHI   Ven Mag 01, 2009 8:35 pm

Admin meryan ha scritto:
sono contentissima

hai visto sotto il tuo avatar
Non ci avevo fatto casoooo Anna sei un tesoro!

_________________



Torna in alto Andare in basso
Admin meryan
Amministratrice
Amministratrice
avatar

Femmina
Ariete Numero di messaggi : 24147
Età : 66
barra di rispetto :
Personalized field :




Data d'iscrizione : 03.11.07

MessaggioTitolo: Re: ARTEMISIA GENTILESCHI   Ven Mag 01, 2009 10:26 pm


_________________
mi manchi marco
Torna in alto Andare in basso
http://gioie-e-dolori.forumattivo.com
Contenuto sponsorizzato




MessaggioTitolo: Re: ARTEMISIA GENTILESCHI   

Torna in alto Andare in basso
 
ARTEMISIA GENTILESCHI
Torna in alto 
Pagina 1 di 1

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
gioie e dolori :: ARTE STORIA MITOLOGIA-
Vai verso: