gioie e dolori
benvenuti nel mio forum spero vi troverete bene
E SIATE MOLTO GENTILI DI PRESENTARVI NELLA SEZIONE BENVENUTI
COSì VI SALUTEREMO TUTTI GRAZIE VI CHIEDO UNA GENTILEZZA PRESENTATEVI ALTRIMENTI NON Cè MOTIVO DI ISCRIVERVI, CHIUNQUE SI SCRIVE NON SI PRESENTA NON CAPISCO IL MOTIVO,DATO CHE IL FORUM è VISIBILE ANCHE SENZA ISCRIZIONE GRAZIE

gioie e dolori

è un forum di poesie di gioie e dolori
 
PortaleIndiceGalleriaRegistratiAccedi

Condividi
 

 Il Diario di Zaccheo

Andare in basso 
AutoreMessaggio
Gugol
Moderatore
Moderatore
Gugol

Maschio
Numero di messaggi : 10640
Localizzazione : Gomorra Centro
barra di rispetto : Il Diario di Zaccheo 111010
Personalized field : Il Diario di Zaccheo Moderactif
la bontà e l'educazione in persona
Data d'iscrizione : 04.11.07

Il Diario di Zaccheo Empty
MessaggioTitolo: Il Diario di Zaccheo   Il Diario di Zaccheo 16gd9bkVen Nov 23, 2007 4:22 pm

(apocrifo contemporaneo ispirato a Lc 19,1-10)

Non sono mai stato un uomo di lettere, ed anzi, mi scuso con questi fogli e questa penna e con chi avrà la ventura di leggerli, ma non sono molto bravo a scrivere.
Carte e penna mi hanno accompagnato per tanti anni, troppi anni, ma vi vergavo solo conti, dare e avere, incassi, guadagni, profitto, e gli unici nomi che scrivevo con dovizia erano quelli dei creditori, pochi, pochissimi, e quelli dei debitori, la cui lista si allungava ogni giorno di più, creando in me – oggi quanto mi vergogno a dirlo- quasi un gioia intensa più che un senso di stizza, perché avvertivo di avere sempre più potere sulla povera gente.
Tutto questo avveniva prima che conoscessi Lui. Ma procediamo con ordine, affinché ogni cosa io dica a lode e gloria Sua e di chi Lo ama. Scrivo ora che sono giunto al traguardo della mia vita, e scrivo per aiutarmi a portare in maniera ordinata e consapevole tutta la mia esistenza, con i suoi lati buoi, e sono stati molti – troppi-, e la luce che l’ha attraversata improvvisamente rivestendola di dignità e di splendore. Quella stessa luce che ora non mi fa temere la morte e il Suo Giudizio, ma mi fa ringraziare della vita ricevuta e, nonostante il tanto spreco e il pervertimento che ho vissuto, mi fa sperare della Misericordia che già mi visitò quel giorno, e che da allora – lo sento sempre più fortemente- non mi ha più abbandonato.
Quel giorno: se dovessi vivere un solo giorno, vorrei vivere quel giorno. Allora ebbe senso tutto per me: ciò che avevo vissuto prima, i desideri, le ansie, le passioni che agitavano l’animo mio, in quel pomeriggio mi apparvero diversi, le vidi finalmente in tutta la loro pochezza, crudeltà, ed insieme vedevo che io non ero loro, io ero distinto da loro, avvertivo in cuor mio che esse, queste passioni, erano centrate nella mia vita e la stavano dominando, ma non mi appartenevano, non dovevo per forza seguirle. Così è iniziato per me quel giorno: un pensiero come una voce prima lontana poi sempre più insistente che si insinuava in me alla vista di Lui: << Guarda come è bello vivere come Lui, pensare come Lui, amare come Lui. No, non è vero che sei come sei e devi restare così, tu hai una possibilità, che passa oggi davanti a te, non fartela scappare!!! Tu puoi scegliere, puoi cambiare questa vita che in fondo non ti soddisfa, non ti rende felice…. Non avere paura, è vero, sta avvenendo, stai cambiando, lasciati guidare, abbi l’ardore di diventare come Lui. Coraggio!!!>>
Se mi fossi messo a pensare, come facevo quando calcolavo le entrate e le uscite dei conti, avrei liquidato la faccenda come un affare rischioso, senza garanzie.
Ma quello era il Giorno: ciò che feci, lo feci con tanta spontaneità e allegria che ancora mi meraviglio di essere stato veramente io a farlo[ vedi Luca 19,8 ndr].
C’era tanta gente lì fuori casa mia, i più ci avevano visti insieme entrare a casa mia, e sapevano chi era Lui, e chi ero io…. Molti si erano innervositi, si erano scandalizzati per l’onore che avevo ricevuto, ma io non ci pensavo, la mia attenzione era rivolta solo a Lui. Io ero andato a vederlo solo per una curiosità indefinita, che tra l’altro non era propria del mio carattere, ed ora, cosa inimmaginabile per me quanto per gli altri, me lo ritrovavo in casa mia, a pranzare con me. Lui aveva osato chiedere ospitalità a me, il pubblicano, a me, la Feccia.
A questo punto però voglio ricordare un particolare che possa essere utile, oltre che a me, a tutti, specie a coloro che si considerano avanzati nella sequela di Lui.
Ricordo che per molto tempo, e per qualcuno ancora oggi, io ero e restavo il Pubblicano, il peccatore. Costoro che ancora oggi così mi giudicano, mi guardano di traverso, e non basta loro che io abbia versato molto più di quanto la Legge imponesse [confronta Levitico 5,20 con Luca 19,8 ndr] e soprattutto che Il Signore stesso abbia dichiarato che io possa essere salvato [Luca 19,9].
Per loro io resto la Feccia. Loro sono i Giusti, io il Peccatore, ma così non si rendono conto che negano a Colui che salva l’efficacia della Sua Redenzione!!! Finché non capiranno, finché che non comprenderanno che in questo consiste la Salvezza, che il Signore cioè è venuto per i peccatori[Luca 19,10], e che dobbiamo considerarci tutti peccatori bisognosi della Grazia di Dio[confronta La Prima lettera di Giovanni 1,8-10 ndr], che il Signore ci vuole trasformare da peccatori in Santi e che non esiste uomo tanto malvagio da non poter esser salvato e reso Santo se accetta e accoglie la Grazia, finché non capiranno ciò, essi non guarderanno mai il mondo e gli uomini con gli occhi d’amore del Dio di Misericordia, ma solo come giudici fustigatori. Io prego per loro, che il Signore li illumini, perché altrimenti sarà il loro stesso rigore a giudicarli [Marco 4,24]. Non si può credere veramente in Dio se si nega a Lui la possibilità di compiere il primo e il più grande miracolo: la conversione dei cuori, specie di quelli più induriti. <<CONTINUA>>

zakcaioV

_________________
NULLA DIES SINE LINEA!
Il Diario di Zaccheo 16101
Torna in alto Andare in basso
 
Il Diario di Zaccheo
Torna in alto 
Pagina 1 di 1

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
gioie e dolori :: PENSIERI E MASSIME DAL WEB-
Vai verso: