gioie e dolori
benvenuti nel mio forum spero vi troverete bene
E SIATE MOLTO GENTILI DI PRESENTARVI NELLA SEZIONE BENVENUTI
COSì VI SALUTEREMO TUTTI GRAZIE VI CHIEDO UNA GENTILEZZA PRESENTATEVI ALTRIMENTI NON Cè MOTIVO DI ISCRIVERVI, CHIUNQUE SI SCRIVE NON SI PRESENTA NON CAPISCO IL MOTIVO,DATO CHE IL FORUM è VISIBILE ANCHE SENZA ISCRIZIONE GRAZIE
gioie e dolori
Vuoi reagire a questo messaggio? Crea un account in pochi clic o accedi per continuare.

gioie e dolori

è un forum di poesie di gioie e dolori
 
PortaleIndiceGalleriaRegistratiAccedi

 

 Pipistrello, l’ex cattivo

Andare in basso 
AutoreMessaggio
Ospite
Ospite



Pipistrello, l’ex cattivo Empty
MessaggioTitolo: Pipistrello, l’ex cattivo   Pipistrello, l’ex cattivo 16gd9bkLun Giu 08, 2009 9:46 am

Pipistrello, l’ex cattivo 03ae
LIBERO
7 GIUGNO
Marinella Meroni
C’è da stupirsi che animali
affascinanti come i pipistrelli siano oggetto di paure e credenze infondate,
purtroppo ancora radicate. Quella più diffusa è che se sfiorano i capelli di una
persona vi rimangono attaccati. Nulla di più falso. Questa diceria è nata in
passato, quando molta gente viveva in case rurali a contatto con questi animali;
sarà accaduto che un piccolo, debole esemplare, si sia staccato dal pelo della
mamma, finendo accidentalmente sulla testa di qualche sfortunato che in quel
momento passava di lì, aggrappandosi ai suoi capelli. Altre leggende: se urinano
sui capelli di un uomo inducono alla calvizie; si cibano di sangue umano.
Proprio quest’ultima apre il capitolo dedicato ai vampiri, frutto
dell’ignoranza, secondo il quale si possono trasformare in pipistrelli,
figuriamoci!
la mano alata
I chirotteri sono comunemente
chiamati pipistrelli: il termine deriva dal greco cheiron (mano) e pteron (ala),
e significa “mano alata”, ma anche dal latino vespertilio, cioè “animale
vespertino”, da vesper sera.Sono mammiferi antichissimi, nelle rocce dell’Eocene
sono stati trovati esemplari fossili: si parla di cinquanta milioni di anni fa.
Già allora utilizzavano il “radar” (solo recentemente scoperto dall’uomo):
questi animali durante il volo emettono continuamente ultrasuoni che
infrangendosi contro gli oggetti producono l’eco; riascoltando con le grandi
orecchie questi echi, riescono a localizzare sia gli ostacoli sia le prede da
catturare con estrema precisione.
il letargoNon solo. I pipistrelli
sono gli unici mammiferi capaci di volo attivo. Durante l’inverno vanno in
letargo. In primavera le femmine gravide si aggregano per costituire colonie
riproduttive, dette nurseries. Quando la mamma va a caccia per cibarsi, infatti,
lascia il piccolo ad un’altra femmina che se ne prende cura fino al rientro del
genitore. Sono animali generosi e altruisti verso tutti i componenti del loro
gruppo, tanto che se uno di loro non sta bene, gli altri lo accudiscono a turno.
I pipistrelli vivono anche 30 anni. E ne esistono 1.100 specie diverse. Si
cibano di insetti, polline, frutti e piccoli roditori. Si conoscono tre specie,
che vivono in Sudamerica, che succhiano il sangue degli animali domestici.
Le specie
Tutte le specie europee sono
insettivore e in Italia vivono 31 diverse varietà. Un singolo pipistrello può in
una sola notte mangiare circa 2.000 zanzare, ed essere quindi un notevole aiuto
nella lotta biologica contro questi insetti.
i nemici
I loro nemici sono i rapaci e, come
sempre, l’uomo con insetticidi ed inquinamento ambientale. Il Museo di Storia
Naturale dell’Università di Firenze sta promuovendo la diffusione di rifugi
artificiali (casette di legno) per incrementare il numero dei pipistrelli e
ridurre le zanzare in città, evitando insetticidi tossici. Sono animali innocui,
discreti, hanno una loro vita sociale dalla quale dovremmo prendere esempio. Non
esiste alcuna ragione per l’uomo e per gli animali domestici di temere la loro
presenza. Sono ottimi vicini di casa: cacciando attorno alla vostra abitazione
vi liberano dalla molestia di insetti fastidiosi. Occorre però imparare a
conoscere e a rispettare queste creature, e occorre farlo al più presto: si
tratta di uno dei gruppi faunistici più minacciati. Tutelate ai sensi di legge,
tutte le specie di chirotteri presenti in Italia devono essere protette in
maniera rigorosa (art. 2 della L. 157/92; all. II e III della Convenzione di
Berna - L. 42/83 del D.P.R. 357/97, modificato e integrato dal D.P.R. n.
120/03).






Torna in alto Andare in basso
 
Pipistrello, l’ex cattivo
Torna in alto 
Pagina 1 di 1

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
gioie e dolori :: AMICI ANIMALI-
Vai verso: