gioie e dolori
benvenuti nel mio forum spero vi troverete bene
E SIATE MOLTO GENTILI DI PRESENTARVI NELLA SEZIONE BENVENUTI
COSì VI SALUTEREMO TUTTI GRAZIE VI CHIEDO UNA GENTILEZZA PRESENTATEVI ALTRIMENTI NON Cè MOTIVO DI ISCRIVERVI, CHIUNQUE SI SCRIVE NON SI PRESENTA NON CAPISCO IL MOTIVO,DATO CHE IL FORUM è VISIBILE ANCHE SENZA ISCRIZIONE GRAZIE

gioie e dolori

è un forum di poesie di gioie e dolori
 
PortaleIndiceGalleriaRegistratiAccedi

 

 CONIGLIO NANO

Andare in basso 
AutoreMessaggio
Admin meryan
Amministratrice
Amministratrice
Admin meryan

Femmina
Ariete Numero di messaggi : 24147
Età : 68
barra di rispetto : CONIGLIO NANO 111010
Personalized field : CONIGLIO NANO Adminactif
CONIGLIO NANO If9x80



Data d'iscrizione : 03.11.07

CONIGLIO NANO Empty
MessaggioTitolo: CONIGLIO NANO   CONIGLIO NANO 16gd9bkSab Set 12, 2009 8:47 am

CONIGLIO NANO

CONIGLIO NANO Coniglio%20nano
Si ringrazia Silvia per aver inviato scheda e fotografie del coniglio nano


Classe Mammiferi
Ordine Lagomorfi
Famiglia Leporidi
Genere Oryctolagus
Specie Cuniculus


Le origini
Il coniglio nano, ha origine dal coniglio domestico e ha radici ancora più remote in quello selvatico. In quanto coniglio ha origini in Africa e intorno al 1100 a.c. in Spagna e nei vari paesi del Mediterraneo, portato dalle navi dei Fenici…nel medioevo si diffonde in tutta Europa come coniglio domestico, per principalmente alimentari. La selezione vera e propria inizia però nel sedicesimo secolo, ad opera di figure ecclesiastiche, che iniziano a selezionare le razze, il carattere…rendendo il tutto più preciso. Negli ultimi tempi dalle razze dei conigli domestici, in seguito a vari incroci si è venuto a selezionare il coniglio nano, che ormai spopola come animale domestico da compagnia. Naturalmente come i “cugini” più grandi, anche di coniglio nano, si distinguono diverse razze.

Le razze
Molte razze del coniglio nano, sono semplicemente la versione “mini” del coniglio domestico, altre invece sono state selezionate con più cura, per il pelo, le fattezze e per altri fattori…ciò non toglie che sia possibile anche tenere come animale da compagnia un coniglio domestico e non nano, anzi caratterialmente risulta più mansueto e resistente. In genere rispetto un coniglio domestico, il nano ha un colpo più arrotondato e raccolto, anche le orecchie (tranne che per gli ariete) sono più corte e meno appuntite.

Esistono davvero svariate varietà di coniglio nano, qui sono riportate le più diffuse partendo dai più comuni:

NANI COLORATI: sono coniglietti il cui peso ideale non dovrebbe superare il 1,2kg…sono ammesse tutte le colorazioni, anche i pezzati.
OLANDESE NANO: molto simile al nano colorato, per quanto riguarda le fattezze, è distinto dalla colorazione tipica, può essere di qualsiasi colore, ma ha la metà superiore del corpo, le zampine posteriori e una sorta di striscia in faccia bianchi.
TESTA DI LEONE: il peso può essere leggermente superiore rispetto al nano colorato, può raggiungere anche 1,8kg…la sua caratteristica è una sorta di criniera (da qui il nome) in faccia.
REX NANO: come il rex, la sua caratteristica principale, è il mantello: corto e fitto…le dimensioni sono nettamente inferiori, non devono superare i 2kg
HOT HOT: questi coniglietti sono molto diffusi e spesso confusi come semplici nani colorati, il fattore che li distingue è una sorta di macchia circolare intorno agli occhi nera. Anche il loro peso gravita intorno 1,3kg
ERMELLINO: ha le fattezze di un nano colorato, l’unica differenza è il colore, si presenta infatti tutto bianco con occhi rossi (albino) o azzurri.
ARIETE NANO: la caratteristica degli ariete è senza dubbio la conformazione delle orecchie, lunghe e portate verso il basso. L’ariete nano, dovrebbe pesare intorno ad 1,5kg…eppure in commercio la maggior parte è intorno 1,8kg/2kg…la testa e il musino dovrebbero essere arrotondati e a differenza dell’ariete grande dovrebbe avere la testa meno sporgente e più bombata. La versione a pelo lungo, è l’ARIETE CASHMERE.
AMERICAN FUZZY LOP: Il peso é leggermente superiore a quello del nano, infatti dovrebbe essere circa sui 2kg/2,2kg. Ha le fattezze rotondeggianti, quindi sia volto, che testa, che corpo. Il mantello è lungo…I colori sono vari.

ATTENZIONE: in commercio, ci sono molti coniglietti, venduti come nani, ma che magari sono incrociati con conigli domestici e che quindi raggiungono taglie lievemente superiori, sempre nei negozi si possono trovare conigli cuccioli o magari più grandi di conigli domestici che sono poi venduti come nani…quindi se si prende un coniglio in un negozio, bisogna calcolare questa probabilità…che poi non comporta nulla di diverso, solo che molte persone quando il coniglio supera la taglia desiderata se ne sbarazzano…quindi ad ogni modo meglio saperlo prima.

Il coniglio nano
Il coniglio nano, negli ultimi anni è diventato quasi una moda, ma pochi prima di comprarlo sanno realmente chi sia il coniglio nano e di cosa abbia realmente bisogno…proprio per questa poca conoscenza, molti conigli non fanno una buona fine e molti conigli ancora oggi non sono tenuti come dovrebbero…molti si innamorano del tenero musetto di un cucciolino dietro la vetrina, ma attenzione quel cuccioletto non è un peluche da regalare al bambino, quel cuccioletto è una vita, che crescerà, che avrà delle necessità e che volenti o nolenti condizionerà il modo di vivere e le nostre scelte. Quindi meglio non lasciarsi prendere dai facili entusiasmi e fare una scelta coscienziosa.
Ci sono un paio di punti da precisare, il coniglio nano, richiede molte più cure e spazi più ampli di un criceto, il coniglio nano non è un animale da gabbia e il coniglio nano non è un animale per bambini, nel senso può convivere con loro ma ci vuole la supervisione dei genitori, per diversi motivi tra cui, il primo sicuramente è il fatto che il coniglio nano è molto delicato, che se cade di mano al bambino rischia di morire, che ama le coccole ma non le esagerazioni come tirare la coda o le orecchie, è un animale che nel periodo della maturità sessuale può diventare nervoso, anche un po’ mordace, che lascia segni di demarcazione e che potrebbe tendere a montare, anche mani e piedi…tutto questo è risolvibile con la sterilizzazione, ma ad ogni modo non è un animale che si possa lasciare in mano ad un bambino.

Riflessioni prima dell’acquisto


  1. Il coniglio nano, ha bisogno di una gabbia molto amplia, anche per passarvi dentro poche ore al giorno, non può essere collocata all’aperto se non in un posto molto riparato, e senza il sole diretto o correnti d’aria, in un posto silenzioso, lontano da televisioni, elettrodomestici,…si ha uno spazio da dedicare alla gabbia ma soprattutto consono?
  2. Il coniglio nano, non è un animale da gabbia, dovrebbe stare sempre libero, ad ogni modo anche se si decide di far passare qualche ora all’interno della gabbia, bisogna fare in modo che la casa sia sicura per lui, quindi coprire ogni filo elettrico (I conigli rosicchiano e rischierebbe di rimanere fulminato, oltre eventuali danni), evitare che restino scoperti buchi e che quindi il coniglio si possa nascondere sotto frigoriferi, lavatrici e utensili vari; stare molto attenti ai terrazzi, se sono a muro, questo deve essere minimo 80cm…se invece c’è la ringhiera o si impedisce al coniglio di uscire o si deve recintare con una fitta rete a prova di denti, in quanto questi animaletti sono attratti dal vuoto.
  3. Il coniglio nano ha bisogno giornalmente di verdure fresche, si è disposti ad uscire e andarle a comprare di frequente?
  4. Le vacanze…cani e gatti vengono abbandonati ogni giorno, specialmente nell’esodo estivo, ebbene da quando é scoppiato il boom degli animali esotici ora anche loro sono vittime di questa sorte, si è quindi disposti a cercare un albergo, residence, campeggio…dove sia possibile portarlo? O eventualmente si ha una persona fidata che possa e sappia occuparsi di lui giornalmente?
  5. Si ha un veterinario esperto in esotici nella propria città? Eventualmente si è disposti a fare km per cercarne uno competente? (Al contrario che per cani e gatti non è facile trovare veterinari realmente esperti in materia)

Comprare o adottare?
Prima di acquistare un coniglio in un negozio, c’è da ricordarsi che in giro ci sono molti coniglietti che hanno la necessità di trovare casa…quindi magari prima di andarlo a comprare si potrebbe fare un pensierino anche su un coniglietto meno fortunato.

_________________
mi manchi marco
CONIGLIO NANO 35165fr


Ultima modifica di Admin meryan il Sab Set 12, 2009 8:49 am, modificato 1 volta
Torna in alto Andare in basso
https://gioie-e-dolori.forumattivo.com
Admin meryan
Amministratrice
Amministratrice
Admin meryan

Femmina
Ariete Numero di messaggi : 24147
Età : 68
barra di rispetto : CONIGLIO NANO 111010
Personalized field : CONIGLIO NANO Adminactif
CONIGLIO NANO If9x80



Data d'iscrizione : 03.11.07

CONIGLIO NANO Empty
MessaggioTitolo: Re: CONIGLIO NANO   CONIGLIO NANO 16gd9bkSab Set 12, 2009 8:48 am

Scelta del soggetto: salute, sesso e numero
Quando si va in un negozio o allevamento per scegliere il proprio coniglietto, bisogna prima di tutto osservare lo stato del negozio e il livello di igiene, poi osservare la gabbia dove sono tenuti in questo caso la gabbia dei conigli…prima di tutto rendersi conto del loro stato di salute, osservare la gabbia e vedere se ci sono feci liquide, poi osservare gli animali e vedere se sono apatici, o se hanno lacrimazioni, scoli, etc…prendere qualche soggetto in mano e vedere se ha le parti intime pulite e non con incrostazioni di feci causate da diarrea…una volta appurato lo stato iniziale dei soggetti, si può procedere nella scelta del proprio.
Se si vuole un solo soggetto, non ci sono grandi differenza tra maschi o femmine, la dimensione è la stessa, il carattere è soggettivo, raggiunta la maturità sessuale entrambi possono marcare come non farlo. La scelta è dunque puramente soggettiva.
Se si decide di prendere due soggetti, allora la situazione cambia e bisogna fare una scelta accurata:

Due femmine
: convivono sicuramente tranquille fino alla maturità sessuale, poi è una grande incognita in quanto la maggior parte di loro iniziano a litigarsi, dunque spesso si è costretti a dividerle…prendendo due femmine bisogna tenere in considerazione questa opportunità.


Due maschi: anche loro convivono insieme fino alla maturità sessuale, poi qui di sicuro iniziano lotte, di territorio, di dominanza e puro istinto di montarsi a vicenda, facendosi molto male, a volte si hanno anche ferite letali…quindi o si provvede a dividerli, o si procede a maturità sessuale avvenuta, alla sterilizzazione, che nella maggior parte dei casi consente una convivenza pacifica.


Una coppia: prendere una coppia è senza dubbio, la situazione che consentirà una convivenza pacifica, eppure c’è un fattore importantissimo, praticamente la necessità della sterilizzazione di almeno il maschio ma meglio entrambi. Prendere una coppia vuol dire cuccioli, ma come si sa coniglio = ottimo riproduttore, quindi si ci troverebbe con una moltitudine di cuccioli, inoltre le femmine pur potendo rimanere gravide già da due mesi, non possono sopportare la sterilizzazione fino ai 6 mesi, ne va di mezzo la sua vita. Quindi prendendo una coppia, bisogna sterilizzare il maschio, non appena scendono i testicoli, a quel punto si può decidere se sterilizzare a 6 mesi anche la femmina, anche se è comunque consigliato farlo.


Ad ogni modo una volta acquistato (o acquistati) vanno immediatamente portati da un veterinari esperti in esotici per una visita generale, portando anche un campione di feci per vedere l’eventuale presenza di coccidi.

La sterilizzazione
Riguardo la sterilizzazione ci sono diverse scuole di pensiero, in presenza di una coppia è comunque necessaria, idem in presenza di due maschi, caso per caso parlando di due femmine.
Quando il coniglio vive solo: per le femmine è sempre e comunque consigliabile, per evitare possibili gravidanze isteriche e anche perché dai due anni in poi sono molto alte le percentuali di neoplasie e carcinomi; nei maschi, dipende, un maschio intero può comunque vivere bene, ma bisogna osservarlo attentamente e se si vedono segni di irrequietezza, come provare a montare oggetti, arti del padrone in modo ossessivo, se inizia a marcare tutto, se lo si vede correre intorno le gambe in modo ossessivo, allora in questo caso è meglio pensare alla sterilizzazione, perché il coniglio comunque non è sereno, ha gli ormoni in circolazione, che non riesce a sfogare, compromettendo il suo equilibrio psico-fisico.
Molti pensano che sia contro natura la sterilizzazione, questo é un pensiero a livello moralistico e senza dati scientifici, in quanto ad ogni modo la natura del coniglio non è quella di vivere in casa, ma quella di vivere in presenza di altri conigli e riprodursi ogni qual volta lo ritiene necessario, vivendo a stretto contatto con l’uomo, per tutti i problemi che ne derivano, soprattutto gli innumerevoli cuccioli che ne nascerebbero assecondando i loro istinti, ciò non è possibile…quindi bisogna trovare dei compromessi per farli comunque vivere serenamente, e in certi casi uno di questi compromessi è appunto la sterilizzazione.
Nei maschi è fattibile dalla scesa dei testicoli, dai 3 mesi , nelle femmine invece dalla loro formazione completa intorno i 6 mesi.

La Riproduzione
La coniglia è recettiva in presenza del maschio, è bene non fare riprodurre una coniglia prima dei 6/7 mesi, anche se è già recettiva a due, ma una gravidanza precoce potrebbe portarla alla morte. Il parto in genere dura 31 giorni, e pochi giorni prima del parto la femmina tende a strapparsi il pelo dalla pancia per farsi un nido. Già poco dopo il parto la coniglia potrebbe rimanere gravida di nuovo, questo è da evitare per la salute della conigliette, è infatti bene non farla riprodurre più di due volte l’anno. Verso il 28° giorno di gravidanza, bisognerebbe pulire bene (senza usare detergenti ma solo acqua e aceto) l’alloggio della mamma, spostare l’eventuale maschio, magari inserire il nido…da quando la mamma fa i cuccioli a quando i cuccioli non escono dal nido è ben comunque non pulire la gabbia. I cuccioli o la mamma non devono essere disturbati e i cuccioli non vanno toccati o presi, fino a che non iniziano a mangiare da soli, in quanto la mamma potrebbe non riconoscerli come i suoi, ucciderli o abbandonarli. È bene lasciare in giro, nella gabbia del fieno, perché quando inizia lo svezzamento è il primo alimento che i cuccioli provano. I piccoli devono restare con la mamma fino alle 7 settimane, per completare lo svezzamento, poi vanno separati e divisi i maschi dalle femmine. Un maschio ha lo sviluppo intorno i 3 mesi, con la scesa dei testicoli, da allora è pronto per procreare, per questo due conigli integri non vanno tenuti insieme prima almeno dei 6 mesi di lei.
Il sesso dei giovani conigli è difficile da distinguere prima dei tre mesi, con la scesa dei testicoli nel maschio, eppure gli occhi più esperti potrebbero, avendo sempre un margine di sbaglio, identificarlo già da subito, ponendo l’indice e il pollice, rispettivamente sopra e sotto il piccolo orifizio genitale, e facendo una leggerissima pressione nei maschietti dovrebbe sporgere un tubicino, il pene…nelle femmine invece può sporgere come no qualcosa (questo confonde nell’identificazione), ma comunque si identifica una fessura a I.
Ad ogni modo prima della riproduzione bisogna pensare a tanti fattori, il primo è una sistemazione per i cuccioli, anche 7 per parto, pensando che non è bene portarli nei negozi in ogni caso in quanto non si sa in che mani potrebbero finire o se ancora peggio potrebbero finire cibo per serpenti. Quindi prima di farli riprodurre solo per il piacere di vederli riprodurre, di vedere i cucciolini, bisognerebbe fare un’attenta riflessione, e magari pensare a far vivere meglio i conigli che si hanno in casa, optando per la sterilizzazione. Infatti una coppia entrambi sterilizzati, vivono molto bene insieme, si tengono compagnia e possono fare una vita completa e dignitosa.

L’alloggio
Il coniglio nano tenuto in casa può anche vivere libero, tenendo la gabbia solo per tana, naturalmente se si opta per questa scelta bisogna avere una casa a prova di coniglio, quindi fili coperti, accessi ai terrazzi controllati specialmente se presente la ringhiera, perché i conigli sono attratti dal vuoto. Se si opta per tenerlo in gabbia, le dimensioni per un coniglio sono di minimo 80cm x 50cm (anche se andrebbe meglio una gabbia da 100cm x 50cm), ora in commercio ci sono anche delle gabbie di circa 100cm x 100cm, quindi di forma quadrata e anche queste possono essere una soluzione. Ad ogni modo è bene far passare diverse ore al coniglio in libertà e più spazio c’è meglio è.
Come lettiera è bene utilizzare o il pellet di legno, che assorbe molto oil truciolato non aromatizzato, che assorbe meno e va cambiato più spesso ma che va ugualmente bene, altra opzione è il tutolo di mais, di inferiore capacità di assorbimento.
Per quanto riguarda il pellet di legno, ci sono in commercio diverse marche ma in alternativa va bene usare anche il pellet di legno per stufe, in vendita nei negozi che vendono appunto stufe, che si occupano di ferramenta o fai da te, sono identici e hanno un prezzo minore, l’importante è vedere che non sia trattato chimicamente e che siano legni sicuro (per non sbagliarsi è sicuro il faggio o il pioppo).

L’alimentazione
L’alimentazione del coniglio nano deve essere basata sulla verdura, insieme ad una costante di fieno. Alimento complementare è il pellet, che può essere dato a vita, ma più che altro è importante nel periodo della crescita, ma anche per la scelta del pellet ci sono diverse regole.

VERDURA
: va data ben lavata, ma solo con acqua, asciugata e non fredda di frigorifero. I conigli possono mangiare diversi tipi di verdura ed è bene assumere un’alimentazione varia, fornendo giornalmente diversi tipi di verdura. Naturalmente una volta preso il coniglio, la verdura deve essere inserita non di punto in bianco, ma facendo gustare prima un pezzettino di un solo tipo di verdura, poi pian piano sempre di più, facendo questo per ogni nuovo tipo, fino a fargliene mangiare diversi tipi…delle vere e proprie insalate. Un coniglio di base dovrebbe mangiare 300g di verdura per ogni kg di peso, ma poi è soggettivo, c’è chi ne vuole di più e allora va bene seguire il proprio coniglio.
Le verdure che contengono molti ossalati, è bene limitarle a poche volte a settimana. Evitare di dare del tutto perché fanno male: prezzemolo, patate, legumi, aglio e cipolla. La verdura va somministrata una volta al giorno o la razione diviso due. Importante togliere sempre piccioli e foglie di peperoni e pomodori.

FIENO
: deve essere acquistato ben verde e non sbriciolato…ci sono diversi tipi buoni. Il fieno deve essere perennemente a disposizione del coniglio, in quanto il coniglio ha bisogno di mangiare sempre e se non mangia per più di 4 ore, si possono iniziare ad avere dei problemi, anche molto seri.

PELLET
: pochi pellet in commercio vanno bene per una corretta alimentazione dei conigli; per prima cosa non deve contenere assolutamente cereali, in quanti come cereali sono difficili per loro conigli da digerire, possono fermentare nello stomaco causando blocchi intestinali, che se non presi in tempo sono letali…altra cosa importante è che abbia un alto contenuto di fibre, sempre dal 20% in su…e altra cosa importante NON deve contenere COCCIDIOSTATICO…questo è infatti un medicinale, è come se noi umani prendiamo l’antibiotico quando non ne abbiamo necessità, alla fine si arriva anche ad un livello di assuefazione e se poi c’è realmente bisogno di un trattamento contro i coccidi, potrebbe fare effetto più lentamente e con difficoltà.

NON vanno DATI: prodotti con cereali, snack con cereali, zuccheri, nessun tipo di biscotto e prodotto da forno in generale, quindi niente pane, fette biscottate, grissini e derivati…non vanno dati dolci, bisogna stare attenti a che non mangino piante e arbusti non conosciuti o presenti in casa, terrazzo o giardino, molti possono essere letali…I conigli sono assolutamente erbivori, quindi niente prodotti per cani e gatti, ma neanche per criceti. Non vanno dati alimenti, che valgono sia per conigli che per altri animali.

La convivenza con altri animali
Il coniglio nano, in genere è un animale molto territoriale, può convivere con suoi simili, ma solo secondo il modo riportato nella sezione che parla della scelta del soggetto, andando ad analizzare la convivenza con altri animali.
NON potrà mai CONVIVERE nella stessa gabbia o stesso ambiente con: furetti (il loro predatore per antonomasia), criceti, cincillà, cani della prateria,gerbilli, petauri, ratti, topolini, etc.
Potrà convivere con:

PORCELLINI D’INDIA: la convivenza è da valutare, ad ogni modo per convivere il coniglio sia maschio che femmina dovrà essere sterilizzato, altrimenti l’istinto a montare la cavia, potrebbe portare seri problemi a quest’ultima. Inoltre alcuni conigli sono portatori sani di un germe, che per il porcellino d’India invece potrebbe essere letale.

GATTI: la convivenza con il gatto è possibile, l’importante è ambientarlo poco alla volta, meglio ancora se entrambi cuccioli.

CANI: in teoria anche con il cane la convivenza è possibile, ma c’è da ricordare che il cane a prescindere dalla razza è un predatore, più volte è capitato di cani e conigli andati d’accordo ma che un nefasto giorno sono stati uccisi dal cane…inoltre dipende dalla mole, anche il gioco di un cane troppo vivace può essere letale al coniglietto. Per questo meglio tenerli sempre sotto controllo.

Altro CONIGLIO inserito in un secondo momento: bene per un eventuale di sesso opposto sterilizzato, anche se l’ambientazione deve essere graduale, facendoli incontrare in un territorio neutro, a volte può passare molto tempo. Quasi impossibile invece inserire un coniglio dello stesso sesso.


Le cure
Il coniglio nano ha bisogno di due vaccinazioni, che vanno ripetute ogni 6 mesi, la prima contro la mixomatosi e la seconda per l’enterite emorragica virale, che sono malattie incurabili ed estremamente contagiose (per capire la gravità…negli allevamenti alimentari, una volta trovato un coniglio infetto, vanno abbattuti tutti per ordine dell’ASL). Queste malattie non sono trasmettibili solamente con il contatto diretto, ma anche tramite veicolo, come le zanzare, per questo le vaccinazioni sono necessarie anche vivendo in casa.
Il coniglio può essere affetto da diverse patologie, ad ogni sintomi diverso dal normale (feci molli, apatia, assenza di defecazione e orinazione, mancanza d’appetito,…) il coniglio va portato immediatamente dal veterinario, esperto in esotici (bisognerebbe cercarne uno ancor prima di prendere il coniglio), il decorso delle malattie di un coniglio è molto veloce, e la velocità d’intervento e spesso fondamentale.
Praticamente nessuna patologia che affligge il coniglio può contagiare l’uomo se non la rogna, la tigna ed eventuali micosi.
Il coniglio è un animale che mangia il cecotropo, che ha l’aspetto di feci, è morbido e a volte a grappolo, questo viene ingerito dal coniglio ancora prima di essere espulso, quindi non bisogna spaventarsi se si vede il coniglio ingerire “le feci”. Bisogna stare attenti se si trova nella gabbia il cecotropo in abbondanza e di frequente, in quel caso bisogna parlarne con il veterinario, potrebbe trattarsi di eccesso di fibre come di altro.
I denti del coniglio sono a crescita continua, vanno controllati appena preso, per vedere se è affetto dalla malocclusione dentale, in quel caso il coniglio va seguito dal veterinario, che poi dirà cosa fare…se invece non ha patologie del genere, un’alimentazione corretta potrà regolare la crescita dei denti.
Le unghie del coniglio vanno tagliate quando troppo lunghe, se si hanno dubbi, è meglio rivolgersi al veterinario, comunque è molto semplice anche farlo da soli, basta tenere fermo il coniglio, meglio in due, magari avvolgendolo in un panno e tagliare con apposite forbicine o tronchesine in vendita nei negozi per animali (sono specifiche per roditori e volatili) la parte superiore, stando attenti a non toccare il nervo, che è visibile in controluce, tagliando quindi 2-3mm sopra. Se il coniglio è scuro e ha le unghie di conseguenza scure, allora è bene rivolgersi al veterinario, almeno la prima volta.
Il coniglio può essere spazzolato, comunque con una spazzola di gomma o quelle per neonati, per non ledere la pelle.
Il coniglio non ha assolutamente bisogno di bagnetto, che al contrario gli fa male, il coniglio è un animale che si pulisce da solo, al limite si possono usare i prodotti in vendita, come lo shampoo a secco per roditori…o in caso estremo in cui si sporcasse le zampette o i genitali con le feci, in quel caso si può prendere del cotone idrofilo, bagnarlo leggermente con acqua tiepida (no calda o fredda) e passarlo nelle zone interessate.
Appena preso è bene portarlo per una visita dal veterinario per un controllo generale, portando anche un campione di feci, per verificare l’assenza dei coccidi.
Prima ancora che il coniglio arrivi o subito dopo è importantissimo cercare un veterinario esperto in animali esotici.

CONIGLIO NANO Coniglio%20nano_02

_________________
mi manchi marco
CONIGLIO NANO 35165fr
Torna in alto Andare in basso
https://gioie-e-dolori.forumattivo.com
Gugol
Moderatore
Moderatore
Gugol

Maschio
Numero di messaggi : 10640
Localizzazione : Gomorra Centro
barra di rispetto : CONIGLIO NANO 111010
Personalized field : CONIGLIO NANO Moderactif
la bontà e l'educazione in persona
Data d'iscrizione : 04.11.07

CONIGLIO NANO Empty
MessaggioTitolo: Re: CONIGLIO NANO   CONIGLIO NANO 16gd9bkSab Set 12, 2009 9:19 am

mio fratello l'aveva!

_________________
NULLA DIES SINE LINEA!
CONIGLIO NANO 16101
Torna in alto Andare in basso
Admin meryan
Amministratrice
Amministratrice
Admin meryan

Femmina
Ariete Numero di messaggi : 24147
Età : 68
barra di rispetto : CONIGLIO NANO 111010
Personalized field : CONIGLIO NANO Adminactif
CONIGLIO NANO If9x80



Data d'iscrizione : 03.11.07

CONIGLIO NANO Empty
MessaggioTitolo: Re: CONIGLIO NANO   CONIGLIO NANO 16gd9bkSab Set 12, 2009 3:42 pm

SONO CARINISSIMI CONIGLIO NANO 890321

_________________
mi manchi marco
CONIGLIO NANO 35165fr
Torna in alto Andare in basso
https://gioie-e-dolori.forumattivo.com
Gugol
Moderatore
Moderatore
Gugol

Maschio
Numero di messaggi : 10640
Localizzazione : Gomorra Centro
barra di rispetto : CONIGLIO NANO 111010
Personalized field : CONIGLIO NANO Moderactif
la bontà e l'educazione in persona
Data d'iscrizione : 04.11.07

CONIGLIO NANO Empty
MessaggioTitolo: Re: CONIGLIO NANO   CONIGLIO NANO 16gd9bkDom Set 13, 2009 8:48 am

alemno non crescono diventando enormi!

_________________
NULLA DIES SINE LINEA!
CONIGLIO NANO 16101
Torna in alto Andare in basso
Contenuto sponsorizzato




CONIGLIO NANO Empty
MessaggioTitolo: Re: CONIGLIO NANO   CONIGLIO NANO 16gd9bk

Torna in alto Andare in basso
 
CONIGLIO NANO
Torna in alto 
Pagina 1 di 1

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
gioie e dolori :: AMICI ANIMALI-
Vai verso: