gioie e dolori
benvenuti nel mio forum spero vi troverete bene
E SIATE MOLTO GENTILI DI PRESENTARVI NELLA SEZIONE BENVENUTI
COSì VI SALUTEREMO TUTTI GRAZIE VI CHIEDO UNA GENTILEZZA PRESENTATEVI ALTRIMENTI NON Cè MOTIVO DI ISCRIVERVI, CHIUNQUE SI SCRIVE NON SI PRESENTA NON CAPISCO IL MOTIVO,DATO CHE IL FORUM è VISIBILE ANCHE SENZA ISCRIZIONE GRAZIE

gioie e dolori

è un forum di poesie di gioie e dolori
 
PortaleIndiceGalleriaRegistratiAccedi

Condividi
 

 LO SAPEVATE CHE?

Andare in basso 
AutoreMessaggio
Admin meryan
Amministratrice
Amministratrice
Admin meryan

Femmina
Ariete Numero di messaggi : 24147
Età : 67
barra di rispetto : LO SAPEVATE CHE? 111010
Personalized field : LO SAPEVATE CHE? Adminactif
LO SAPEVATE CHE? If9x80



Data d'iscrizione : 03.11.07

LO SAPEVATE CHE? Empty
MessaggioTitolo: LO SAPEVATE CHE?   LO SAPEVATE CHE? 16gd9bkDom Mar 07, 2010 1:57 pm


LO SAPEVATE CHE? Vff4om



risultati clamorosi di una ricerca americana
Bastano 3 grammi al giorno di sale
in meno per far crollare ictus e infarti
Negli Usa si avrebbero a 99 mila infarti in meno, 66 mila ictus in meno, 92 mila morti in meno ogni anno

MILANO - Se si riuscisse a convincere le persone a ridurre l’assunzione giornaliera di sale di appena tre grammi, si potrebbe evitare un gran numero di ictus, infarti del miocardio e decessi correlati agli eventi cardiovascolari, ottenendo anche un enorme risparmio nei conti della sanità. Lo afferma uno studio appena pubblicato sul New England Journal of Medicine ad opera di Kirsten Bibbins-Domingo dell’University of California di San Francisco e dei suoi collaboratori. Lo studio ha anche effettuato un calcolo di quanti sarebbero gli eventi sfavorevoli che la riduzione di sale potrebbe evitare in un paese come gli Stati Uniti: fino a 99 mila infarti in meno, 66 mila ictus in meno, 92 mila morti in meno. Basterebbe comunque anche la riduzione di un solo grammo di sale al giorno per garantire una drastica riduzione di tali eventi sfavorevoli, con un miglioramento significativo della salute pubblica.

CHI NE GODREBBE DI PIÙ - Lo studio americano indica poi quali sono le fasce di popolazione che potrebbero giovarsi maggiormente di tale riduzione del sale nei cibi. Ad esempio, tra le donne ci sarebbe circa il 15 per cento in meno di ictus; tra le persone di età compresa fra i 35 e i 64 anni la mortalità si ridurrebbe del sei per cento. È anche interessante notare che la riduzione di tre grammi del sale assunto giornalmente avrebbe lo stesso beneficio sulla mortalità della popolazione del trattamento farmacologico dell’ipertensione di tutti i soggetti affetti da questa condizione. Un cambiamento nello stile di vita che avrebbe dunque lo stesso effetto di una vera e propria cura medica.

COME RIUSCIRCI - Purtroppo, però, riuscire a raggiungere questo obiettivo non è facile quanto potrebbe sembrare, dal momento che i cambiamenti degli stili di vita di una popolazione sono abbastanza complessi da raggiungere. Sarebbero necessarie azioni multiple e contemporanee: a livello del singolo individuo, ma anche azioni di sensibilizzazione sociale, oltre che nuove norme, ad esempio per i produttori di cibi confezionati. Si sa infatti che ben oltre la metà del sale ingerito da ciascuna persona proviene da cibi preparati dall’industria e solo una piccola parte viene invece aggiunta durante la lavorazione casalinga. E comunque le papille gustative dell’intero mondo occidentale sembrano essersi talmente abituate al sapore del sale, che i consumi individuali possono arrivare a superare anche i 10 grammi al giorno, quando la dose raccomandata sarebbe di poco oltre i cinque grammi, che diventano addirittura circa tre e mezzo per chi soffre di ipertensione o per chi ha comunque superato i 40 anni.

ABITUDINE - Ma una speranza forse c’è, come ha dimostrato un programma di riduzione del dieci per cento del sale presente nei cibi confezionati, realizzato in Gran Bretagna in un periodo di quattro anni. E non c’è stata la temuta riduzione del consumo di questi cibi: sembra che alla fine le persone abbiano finito per abituarsi al sapore leggermente più insipido, fino a considerarlo normale.

Danilo di Diodoro

fonte corriere della sera

_________________
mi manchi marco
LO SAPEVATE CHE? 35165fr
Torna in alto Andare in basso
https://gioie-e-dolori.forumattivo.com
Admin meryan
Amministratrice
Amministratrice
Admin meryan

Femmina
Ariete Numero di messaggi : 24147
Età : 67
barra di rispetto : LO SAPEVATE CHE? 111010
Personalized field : LO SAPEVATE CHE? Adminactif
LO SAPEVATE CHE? If9x80



Data d'iscrizione : 03.11.07

LO SAPEVATE CHE? Empty
MessaggioTitolo: Re: LO SAPEVATE CHE?   LO SAPEVATE CHE? 16gd9bkDom Mar 07, 2010 2:00 pm

Sodio

Elemento chimico, simbolo: Na, numero atomico: 11 e peso atomico 22.9898 g/mol. È un metallo morbido, reattivo e con un punto di fusione basso, con una densità relativa pari a 0.97 a 20ºC (68ºF). Dal punto di vista commerciale, il sodio è il più importante di tutti i metalli alcalini.

Il sodio reagisce rapidamente con l'acqua, ed anche con neve e ghiaccio, per produrre idrossido di sodio e idrogeno. Quando è esposto all'aria, il sodio metallico recentemente tagliato perde la sua apparenza argentea ed acquista un colore grigio opaco dovuto alla formazione di un rivestimento di ossido di sodio. Il sodio non reagisce con l'azoto, neppure a temperature molto alte, ma può reagire con ammoniaca per formare ammoniaca di sodio. Il sodio e l'idrogeno reagiscono al di sopra di 200ºC (390ºF) per formare idrossido di sodio. Il sodio reagisce appena con il carbonio, ma reagisce con gli alogeni. Reagisce inoltre con i vari alogenuri metallici per formare il cloruro di sodio ed il metallo. Il sodio non reagisce con gli idrocarburi paraffinici, ma forma unlteriori composti con naftalene ed altri composti policiclici aromatici e con gli alchenici arilici. La reazione di sodio con alcooli è simile alla reazione del sodio con l'acqua, ma più lenta. Esistono due reazioni generali con gli alogenuri organici: uno richiede la condensazione di due composti organici, che formano alogeni quando questi sono eliminati. Il secondo tipo di reazione implica la sostituzione di alogeno da sodio, per ottenere un composto organico del sodio.



_________________
mi manchi marco
LO SAPEVATE CHE? 35165fr
Torna in alto Andare in basso
https://gioie-e-dolori.forumattivo.com
Loredana
Moderatore
Moderatore
Loredana

Femmina
Cancro Numero di messaggi : 3674
Età : 61
Localizzazione : Roma
barra di rispetto : LO SAPEVATE CHE? 111010
Personalized field : LO SAPEVATE CHE? Moderactif
l'amica del cuore
Data d'iscrizione : 24.11.07

LO SAPEVATE CHE? Empty
MessaggioTitolo: Re: LO SAPEVATE CHE?   LO SAPEVATE CHE? 16gd9bkMar Mar 09, 2010 12:54 pm

Sai? Una materia che proprio non digerivo, al liceo, era la chimica!!!
LO SAPEVATE CHE? 749531

_________________
LO SAPEVATE CHE? 2006124102714_lory-oro


LO SAPEVATE CHE? 16101LO SAPEVATE CHE? Mo11
Torna in alto Andare in basso
Contenuto sponsorizzato




LO SAPEVATE CHE? Empty
MessaggioTitolo: Re: LO SAPEVATE CHE?   LO SAPEVATE CHE? 16gd9bk

Torna in alto Andare in basso
 
LO SAPEVATE CHE?
Torna in alto 
Pagina 1 di 1

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
gioie e dolori :: NO-TOPIC-
Vai verso: