gioie e dolori
benvenuti nel mio forum spero vi troverete bene
E SIATE MOLTO GENTILI DI PRESENTARVI NELLA SEZIONE BENVENUTI
COSì VI SALUTEREMO TUTTI GRAZIE VI CHIEDO UNA GENTILEZZA PRESENTATEVI ALTRIMENTI NON Cè MOTIVO DI ISCRIVERVI, CHIUNQUE SI SCRIVE NON SI PRESENTA NON CAPISCO IL MOTIVO,DATO CHE IL FORUM è VISIBILE ANCHE SENZA ISCRIZIONE GRAZIE

gioie e dolori

è un forum di poesie di gioie e dolori
 
PortaleIndiceGalleriaRegistratiAccedi

Condividi
 

 è primavera

Andare in basso 
AutoreMessaggio
Admin meryan
Amministratrice
Amministratrice
Admin meryan

Femmina
Ariete Numero di messaggi : 24147
Età : 67
barra di rispetto : è primavera 111010
Personalized field : è primavera Adminactif
è primavera If9x80



Data d'iscrizione : 03.11.07

è primavera Empty
MessaggioTitolo: è primavera   è primavera 16gd9bkMer Mar 19, 2008 6:13 pm

è primavera Primavera_titoloBenvenuta
primavera è primavera New3

Ecco arrivare la Primavera,
sbocciano i fiori, ridono i mari
i venti cantano a festa.

E' benvenuta la Primavera.

Sui monti nasce l'erbetta
di mattina il sole sorgerà,
e tutti gli animali sveglierà.

La Primavera è arrivata all'improvviso
e sull' albero spunta un nido,
i pulcini pigolano.

Un bimbo sorride felice
ed il cuore allegro sospira leggero

Anonimo



è primavera Primavera_bot2

Un Prato è primavera New3

Per fare un prato ci vuole
un trifoglio e un' ape
e il sogno.
Ma basta il sogno
Se non ci sono api.
Emily Dickinson


è primavera Primavera_bot3

La farfalla

Nascere a primavera, morire con le rose,
sulle ali di uno zefiro nuotare nella luce,
cullarsi in grembo ai fiori appena schiusi,
in un'ebrezza pura di profumi e d'azzurro,
scuotere, ancora giovane, la polvere alle ali,
volare come un soffio verso la volta infinita:
ecco della farfalla il destino incantato!
Somiglia al desiderio che non si posa mai,
che mai si sazia, ogni cosa sfiorando
per poi tornare al cielo,in cerca di piacere.
Alphonse De Lamartine poeta francese (1780-1869)


è primavera Primavera_bot1

L'Amore è simile alla rosa di macchia

L'Amore è simile alla rosa di macchia
l'Amicizia assomiglia all'agrifoglio.
L'agrifoglio è scuro quando la rosa sboccia,
ma quale resterà più a lungo in fiore?
A primavera è dolce la rosa selvatica
e in estate con i suoi petali profuma l'aria,
ma aspetta che presto torni l'inverno:
chi allora potrà ancora chiamarla bella?
Fin d'ora disprezza una corona di rose
e rivastiti dello splendore dell'Agrifoglio:
Quando dicembre appassirà il tuo volto
la ghirlanda di foglie sarà ancora verde.
Emily Brontè poetessa inglese (1818-1848)


è primavera Primavera_bot2

Gigli

Ho colto gigli splendenti e profumati
pudicamente chiusi,
come una schiera di innocenti fanciulle.
Dai tremuli petali bagnati di rugiada,
ho bevuto profumo, felicità, pace.

Il cuore batteva e tremava, come per un dolore,
i fiori dondolavano la pallida corolla
di nuovo sognavo la libertà lontana,
e il paese dove sono stata con te...
Anna Achmatova poetessa russa (1889-1966)


è primavera Primavera_bot3

Piccola farfalla

Piccola farfalla,
i tuoi giochi d'estate la mia disattenta mano ha cancellato.
Non sono io una farfalla come te?
Né sei tu un uomo come me?
Giacché io danzo e bevo e canto, finché una cieca mano cancellerà il mio volare.
William Blake da *Canti dell'esperienza* (1795)


è primavera Primavera_bot1

Canzone di marzo

"Che torbida notte di marzo!
Ma che mattinata tranquilla!
che cielo pulito!

che sfarzo di perle!
Ogni stelo, una stilla che ride:
sorriso che brilla su lunghe parole.

Le serpi si sono destate
col tuono che rimbombò primo
Guizzavano, udendo l'estate,
le verdi cicigne tra il timo;
battevan la coda sul limo
le biscie acquaiole.


Ancor le fanciulle si sono destate,
ma per un momento;
pensarono serpi, a quel tuono;
sognarono l'incantamento.
In sogno gettavano al vento le loro pezzuole.
Nell'aride bresche anco l'api
si sono destate agli schiocchi.


La vite gemeva dai capi,
fremevano i gelsi nei nocchi.

Ai lampi sbattevano gli occhi le prime viole.
Han fatto, venendo dal mare,
le rondini tristo viaggio.
Ma ora, vedendo tremare
sopr'ogni acquitrino il suo raggio,
cinguettano in loro linguaggio,
ch'è ciò che ci vuole.

Sì, ciò che ci vuole.

Le loro casine, qualcuna si sfalda,
qualcuna è già rotta.

Lavoro ci vuole, ed argilla più salda;
perché ci stia comoda e calda la garrula prole."
Pascoli da Canti di Castelvecchio

_________________
mi manchi marco
è primavera 35165fr
Torna in alto Andare in basso
https://gioie-e-dolori.forumattivo.com
 
è primavera
Torna in alto 
Pagina 1 di 1

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
gioie e dolori :: PENSIERI E MASSIME DAL WEB-
Vai verso: